Vessillo Sezionale

Il Vessillo della Sezione di Pordenone (Archivio Sezione A.N.A. Pordenone)

Sul Vessillo della Sezione di Pordenone sono appuntate 3 Med. d’Oro al Valor Militare.

1) Medaglia d’Oro  Caporal Maggiore Aldo Bortolussi – nato a Zoppola (PN) il 3 aprile 1921

“Puntatore di Batteria Alpina del Gruppo Conegliano sparando a al alzo zero falciava la fanteria nemica e riusciva ad immobilizzare un carro armato russo a pochi metri dal proprio pezzo. Benché ferito partecipava quindi alla lotta alla baionetta insieme con gli alpini finché nuovamente colpito immolò la sua giovane vita. SOLOWIEW (Russia) 20 gennaio 1943”

2) Medaglia d’Oro Caporal Maggiore Olivo Maronese - nato a Pasiano (PN)  l’11 febbraio 1916

“Capo pezzo di Artiglieria del Gruppo Conegliano dirigeva in piedi il fuoco contro la fanteria nemica immobilizzando un carro armato. Distrutto il suo pezzo di artiglieria, benché ferito, accorreva per riprendere il fuoco con un altro pezzo rimasto senza inserviente. Colpito nuovamente proseguiva la lotta finché esausto cessò di vivere sul posto. SOLOWIEW (Russia) 20 gennaio 1943”

3) Medaglia d’Oro  Capitano Dario Chiaradia – nato a Caneva (PN) il 28 aprile 1901

“Volontario nella Campagna di Grecia, ha partecipato poi, su sua richiesta alla campagna di Russia come comandante di una Compagnia del Btg. Cividale con la quale ha partecipato alla battaglia per la conquista della martoriata “Quota Cividale”. Nella battaglia per la seconda riconquista, quando il nemico ormai era in fuga, fu colpito mortalmente e, rifiutando ogni soccorso si preoccupava soltanto della sorte dei suoi Alpini. QUOTA CIVIDALE sul Nowa Kalitwa  (Russia) 4-5 gennaio 1943”

 

Il Vessillo Sezionale si fregia inoltre di:

una Med. d’Oro al Valore Civile  per gli interventi della Sezione nel Friuli terremotato del 1976;

una Med. d’Oro al Merito Civile per gli interventi della Sezione in Piemonte alluvionato del 1994;

una Med. di Bronzo al Merito Civile per gli interventi della Sezione in Irpinia e Basilicata per il terremoto del 1982;

una Med. di Bronzo al Merito Civile per gli interventi della Sezione per il terremoto in Armenia “URSS” e per l’alluvione in Valtellina;

una Med. di Bronzo al Merito Civile per gli interventi della Sezione per il terremoto in Umbria e Marche del 1997;

Infine, una Med. d’Oro ed una Med. di Bronzo al Merito della Croce Rossa per l’impegno profuso a favore di questa istituzione.

 

L’esperienza del terremoto del 1976, che vide direttamente coinvolto gran parte del territorio della Regione Friuli Venezia Giulia con circa 1.000 vittime, produsse una svolta decisiva nell’orientamento delle attività della Sezione che fece proprio il motto “onoriamo i nostri morti aiutando i vivi”.

Il primo intervento è stato la costituzione e la conduzione del Cantiere n. 10 di Pinzano al Tagliamento per la ricostruzione del Friuli che ha visto impiegati Alpini della Sezione di Pordenone per complessive 1798 ore lavorative, a cui è seguita la costruzione di una casa a due appartamenti per terremotati a Cavasso Nuovo (PN).

Riferimenti...
Associazione Alpini Pordenone - Vial Grande 5 C.P.62 - Pordenone - Cod.Fisc.80010820936 Tel.0434 538190 Fax.0434 539696